Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Mario Costa

Durante il periodo di forzato allontamento per l'emergenza Coronavirus, il presidente Mario Costa ha fatto giungere a tutti i soci una lettera di amicizia e positività, che riportiamo nel seguito.

"Gentili amiche, cari amici,

chi avrebbe mai pensato che avremmo vissuto un periodo così inatteso e drammatico. Eppure siamo qui a testimoniare una fase storica che ci vede protagonisti. Siamo stati colpiti da una crisi nuova che ha travolto ogni aspetto della nostra esistenza e della nostra vita di rotariani.

Mi sono trovato così, e non nego la difficoltà, ad essere presidente in questa fase di emergenza. Posso dirvi che la vicinanza degli amici del direttivo, e la fattiva collaborazione di alcuni di essi è fondamentale, e desidero ringraziarli di cuore.

Con loro stiamo provando a valutare gli scenari futuri del nostro club, posto che superata l’emergenza sanitaria dovremo affrontare anche l’inevitabile crisi sociale ed economica che investirà imprese e cittadini. Presto condivideremo con voi le nostre riflessioni.

La vita e la continuità del club sono fondamentali, l’anno rotariano è iniziato con l’ingresso di nuovi soci e con la partecipazione entusiasta di tutti ed è mia intenzione fare in modo che si possa continuare con lo stesso spirito pur in questa fase di gravi difficoltà che investiranno tutti.

Con la commissione strategica e il direttivo stiamo lavorando per prospettare al club unione, consolidamento e mantenimento dell’effettivo. Vi anticipo che a breve, grazie alla “regia tecnica” della nostra Giovanna organizzeremo una conviviale in video in modo che ci si possa vedere, sentire, stare insieme qualche minuto, e con una piccola sorpresa che allieterà questo momento. Il nostro scopo principale, i service distrettuali, di gruppo e del club, sono stati attivati, come sapete, con interventi a favore dell’emergenza sanitaria. Altri sono allo studio, e di tutti daremo opportuna comunicazione.

Concludo con una riflessione, prendendo spunto da una lettura fatta qualche giorno fa su un quotidiano.

Oggi dobbiamo fare i conti con l’aggettivo “positivo”. Usato con riferimento al virus. Voglio però ricordare che “POSITIVO” vuole anche dire pensare alla sorprendente condizione di essere al mondo, “il senso di chiunque abbia coscienza della propria identità ed esistenza”.

Positivamente, consapevolmente, senza smarrirci e promuovere di grado il nostro peggior nemico, la paura, possiamo affrontare ogni cosa, anche la più inattesa e complessa. Ogni prova è il senso delle nostre esperienze terrene che ci è stata donata e che ci vede privilegiati protagonisti.

“Diffondiamo il virus della positività, sempre potente antidoto”.

A voi cari amici, alle vostre famiglie, ai vostri cari, i miei più sinceri auguri di Buona Pasqua.

Ci rivedremo presto!

Con amicizia.

                                                                                Mario

"Pasqua è pensare: la fatica è lunga, ma la gioia è tanta, è nascere nuovo ogni mattina, è vivere giovane, è credere che Dio toglie per dare.

                                                                                Pino Pellegrino"