Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Referente: Alberto Biglino

È forse il progetto più “vecchio” e più noto del nostro Club, avviato dal nostro socio Alberto Biglino, professore di malattie infettive presso la facoltà di Medicina “San Luigi Gonzaga” di Torino. Il progetto sostiene la Onlus I.D.E.A. (Italian Doctors for Emerging Africa), fondata da un gruppo di medici infettivologi dell’Ospedale Cardinal Massaia di Asti e da altri amici sostenitori nell’Agosto del 2009 con la finalità di raccogliere fondi per il finanziamento di progetti a breve termine in Paesi a risorse limitate.

Si tratta di un service V.T.T. (Vocational Training Teams), volto a raccogliere fondi per sostenere un progetto di IDEA Onlus (Italian Doctors for Emerging Africa) Onlus, che ha già stipulato una convenzione con l’Università di Torino. In sintesi, il progetto si propone, nell’ambito dell’Ospedale di Kalongo, Uganda, di:

  • sostenere per due anni la presenza sul posto di medici italiani, che svolgeranno una attività di affiancamento e formazione nell’ambito delle strutture sanitarie locali;
  • consentire l’acquisto di attrezzature di primaria necessità.

Il contributo previsto da parte del nostro Club nell’A.R. 2017/2018 è paria a 2.000,00 euro, e va ad aggiungersi a quello di 3.000,00 euro nell’A.R. 2016/2017, per un totale di 5.000,00 euro.

Trattandosi di un service V.T.T. l’obiettivo è quello di cercare di conseguire da una parte un contributo del nostro Distretto, dall’altra parte un intervento della Rotary Foundation, che può arrivare a aggiungere un importo pari fino a 1,5 volte il contributo del nostro Club e fino a 1 volta il contributo del Distretto. A fronte di 5mila Euro del Club, la somma complessiva, grazie ai moltiplicatori distrettuali e di Evanston, potrebbe arrivare a circa 50mila dollari.

Per ottenere questo importante risultato Alberto Biglino si avvaledella preziosa collaborazione dei soci Franco Tonetti e Roberto Strocco.