Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti.Per maggiori informazioni o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi. Cliccando su chiudi presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Referente Carlo Busto

Mus-E (Musique Europe”) è un progetto multiculturale europeo con l’obiettivo di contrastare, attraverso esperienze artistiche, l’emarginazione e il disagio sociale nelle scuole e di far emergere e valorizzare la creatività di ogni bambino.

Il Progetto nasce nel 1993 da Lord Y. Menhuin, violinista e direttore d’orchestra, e W. Schmitt, direttore del Conservatorio di Berna. Mus-e prende l’avvio a Torino nel 2001 in 14 classi e attualmente coinvolge 160 classi in 19 scuole elementari e 12 scuole per l’infanzia in diversi quartieri. Artisti della danza, della musica, del canto, delle arti visive e del teatro guidano i bambini in una esperienza che favorisce la cultura della tolleranza e dell’integrazione.

Il progetto speciale più importante e significativo dell’Associazione Mus-e Torino Onlus coinvolge dal 2004/05 l’Ospedale Infantile Regina Margherita.

La situazione ottimale prevede 60 ore annuali di laboratorio con i piccoli ricoverati, nell’ambito della programmazione didattica della Sezione Ospedaliera della Scuola Elementare Vittorino da Feltre. Anche quest’anno i laboratori sono iniziati a gennaio 2018 grazie al contributo del RC Torino Est e di privati. Sono coinvolti i day-hospital e le degenze di tutti i reparti.

La scuola in ospedale richiede la programmazione di attività molto diversificate e l’utilizzo di didattiche “speciali” capaci di rispondere ai bisogni altrettanto speciali dei bambini.L’attività ha la durata di un’ora e mezza e si svolge a rotazione nei vari reparti.

L’artista che conduce il laboratorio deve adattarsi alle diverse situazioni che incontra, organizzando il lavoro a seconda del numero dei bambini che possono alzarsi dal letto, della possibilità o meno di lavorare in gruppo, delle patologie e delle condizioni fisiche e psichiche dei piccoli alunni.

Gli interventi sono progettati per iniziare e concludersi nell’arco della mattinata, in modo da offrire ai bambini un’attività finita ed una produzione personale ultimata.

I laboratori nei reparti dell’Ospedale Infantile offrono ai bambini la possibilità di impegnarsi in attività creative, espressive e con connotati ludici che permettono di esprimere sentimenti, stati d’animo, aspirazioni verso se stessi e verso gli altri. Le attività proposte, attraverso codici linguistici, musicali, gestuali e delle arti figurative, sono atte a valorizzare la personalità intera del bambino, a permettere una possibilità maggiore di comunicazione e a superare i momenti di difficoltà e disagio.

Ciascun artista, grazie alla professionalità ed alla personale sensibilità, riesce ad avvicinarsi in modo empatico ai bambini, coinvolgendoli in modo attivo. Anche nel caso di bambini molto provati dalla malattia, demotivati e scoraggiati, gli artisti riescono a capovolgere la negatività della situazione iniziale per giungere a momenti di grande partecipazione che spesso vedono impegnarsi anche gli adulti presenti.
Gli artisti che lavorano al Regina Margherita contribuiscono veramente al benessere dei piccoli pazienti, portando momenti di creatività e serenità nei vari reparti.

Il valore dell’attività non termina con il finire del laboratorio: la curiosità che anticipa l’attesa dell’evento, la riflessione sull’attività conclusa ed il suo eventuale approfondimento, la valenza aggregativi, quando si lavora in piccolo gruppo, si aggiungono alla qualità dell’intervento artistico, proposto con creatività e professionalità, ed accrescono il positivo rinforzo psicologico di tale esperienza.